Nadia Terranova & Ofra Amit (orecchio acerbo editore): Bruno N. E. Il bambino che imparò a volare

138

Titolo: Bruno N. E. Il bambino che imparò a volare

Autore: Nadia Terranova

Illustratore: Ofra Amit

Casa editrice: orecchio acerbo editore

Collana: albi

Pagine: 40

Anno pubblicazione: 2012

Prezzo: € 16,00

Età: dai 10 anni

 

Trama / Argomento

Quella di Bruno è una storia vera e il suo vero nome è stato Bruno Schulz.

Egli è un bambino ebreo dalla testa molto grossa. La grandezza della sua testa lo rendono impacciato e un po’ timido ma in realtà nasconde una grande curiosità verso tutto quello che lo circonda, soprattutto è attratto dalle stravaganti metamorfosi del padre, capace di trasformarsi in ogni tipo di cosa. Il padre di Bruno è infatti morto prematuramente e per non separarsene del tutto, il figlio lo fa rivivere nei suoi scritti e nei suoi disegni facendogli impersonare ogni tipo di oggetto, persona o animale. Bruno diventa grande, insegna disegno ai ragazzi che come lui soffrivano per i loro difetti e le loro perdite… fino a quando nell’ottobre del 1942  un ufficiale nazista non lo ucciderà per strada, nel ghetto di Drohobycz, una piccola città della Galizia Orientale, solo perché ebreo.

 

Analisi

Bruno Schultz è stato uno dei più grandi scrittori polacchi insieme a Kafka, conosciuto per il suo  “Le botteghe color cannella”. Accompagnata dai bellissimi disegni dell’artista israeliana Ofra Amit Nadia Terranova ci racconta in una versione onirica e metaforica, la storia di Bruno prima bambino, poi adolescente e infine uomo. Il male del libro e della vita di Bruno è rappresentato dal suo “essere ebreo” e di essere scomodo alla nuova dittatura nazista. Ma la morte viene trattata con una delicatezza quasi impalpabile ma mai retorica o buonista: la sparizione del padre è una sorta di assenza improvvisa mentre la tragica morte di Bruno è un PLOF, seguito da “NIENTE. NULLA. IL VUOTO”. Raffinato il linguaggio iconico che lo rendono un libro adatto ad un lettore un po’ più grande ma anche ad un adulto che può coglierne ancora di più le sfumature.
Cosa fare dopo la lettura

Il libro, vincitore di numerosi premi, è un ottimo testo da utilizzare per spiegare la persecuzione degli ebrei durante il regime nazista, e offre lo spunto per analizzare insieme ai giovani lettori le crudeltà che gli uomini hanno perpetrato verso degli innocenti.

 

Sul sito ufficiale: www.orecchioacerbo.com/editore/index.php?option=com_oa&vista=catalogo&id=442