Sabrina D’Orsi (Natura e Cultura Editrice): Vivere semplice con i figli, con se stessi

132

Titolo: Vivere semplice con i figli, con se stessi

Autore: Sabrina D’Orsi

Casa editrice: Natura e Cultura Editrice

Collana: Pedagogia e Genitorialità

Pagine: 232

Anno pubblicazione: 2018

Prezzo: € 15,00

Sul sito: www.naturaecultura.com/vivere-semplice/

Sul blog dell’autrice: www.vivere-semplice.org/vivere-semplice-il-libro/


“Vivere semplice con i figli, con se stessi” è un manuale intimo che affronta in maniera diretta con riferimenti non solo personali, ma accademici,  il difficile compito di essere genitori. L’autrice, esperta di comunicazione e media, dal 2008 è autrice del blog www.vivere-semplice.org/ , all’interno del quale tratta articoli sul minimalismo familiare, scelte educative non convenzionali, genitorialità consapevole, abitudini digitali e strategie per vivere meglio con se stessi e con gli altri.

Questo ricco volume parte dall’assunto che il nostro modo di essere e di vivere influenza in maniera radicale la vita dei figli, e che quindi bisogna cominciare dal comportamento di noi adulti per poter permettere a bambini e ragazzi di affrontare la vita in maniera libera dal conformismo e dal consumismo, e vivere una quotidianità lontana dall’omologazione.

Sabrina D’orsi parte proprio da un’autoanalisi che affronta fallimenti e intuizioni della sua famiglia: dopo anni di vita apparentemente perfetta si è resa conto di doversi alleggerire delle sovrastrutture e togliere il superfluo, lasciando l’essenziale. Negli otto capitoli si propongono riflessioni, sia teoriche che pratiche, per poter trovare un equilibrio autentico all’interno della famiglia. Si parte dal concetto di tempo, su quanto sia importante dare tempo ai figli e trovare del tempo per noi stessi senza criticarci. Si spiega come affrontare i pregiudizi e le aspettative nei confronti dei figli e trovare il modo adeguato per accompagnare il loro sviluppo all’età evolutiva diversificandolo all’occorrenza. L’accento è posto inoltre sullo smettere di lamentarsi e accettare i propri errori, anche se è difficile, perché è proprio attraverso quelli che si attiva la voglia di cambiamento. La parte finale è invece dedicata al creare ritmi sani e buone abitudini, dall’alimentazione alla collaborazione casalinga.

Un volume che rimanda all’approccio steineriano, senza fare mistero di come con la sua semplicità abbia cambiato i punti di vista di un’intera famiglia permettendogli di raggiungere l’agognato equilibrio.