Guido Quarzo e Anna Vivarelli (Le Rane Interlinea):

74

Titolo: La frittata

Autori: Guido Quarzo e Anna Vivarelli

Illustratore: Andrea Astuto

Casa editrice: Le Rane Interlinea

Collana: Le rane

Pagine: 32

Anno pubblicazione: 2011

Prezzo: € 12,00

Età: dai 6 anni in su

Trama / Argomento

Una storia divertente e farcita di fantasia. Un cuoco vuole cucinare una frittata speciale e, per essere sicuro di non sbagliare, prende la padella più grande di tutte, una padella così larga che quasi quasi non riesce nemmeno a reggerla con le mani. Quando il profumo vola fuori dalle finestre del ristorante, in tutto il quartiere la gente si sveglia con una gran voglia di frittata, una voglia così forte che qualcuno si alza dal letto, si veste con quello che capita ed esce di casa, finendo per diventare protagonista di una spassosa abbuffata.

Analisi

Il libro è molto semplice e si presenta senza artifici. La storia permette ai piccoli di capire l’importanza delle pietanze e, allo stesso tempo, di ricevere i rudimenti dell’educazione alimentare.I bambini, sempre curiosi ed aperti alle nuove esperienze, amano giocare al “far finta che” ritrovandosi ad “interpretare” i ruoli più fantasiosi ma anche quelli legati alla tante professioni esercitate dagli adulti. Una delle simulazioni più ricorrenti riguarda il mestiere del cuoco che permette, tra l’altro, la manipolazione di oggetti. Questa attività ludica fa parte dei cosiddetti giochi simbolici che contribuiscono a strutturare lo sviluppo cognitivo, sociale ed affettivo.La finzione che il bambino compie durante l’attività permette la crescita in generale, ma anche l’ampliamento del linguaggio.Un tipo di svago che, dunque, si rivela il mezzo più efficace per accrescere il pensiero irreale e la creatività: il piccolo, infatti, si crea delle situazioni favolose per superare i limiti delle sue possibilità di azione concreta e reale.Il “far finta” del resto corrisponde all’imitazione delle azioni dei più grandi con strumenti più o meno appropriati. Pertanto, un cubo diventerà una tazzina ed un fazzoletto una bellissima tovaglia da tavola, mentre le bambole saranno gli ospiti di un famoso ristorante.Il protagonista de La frittata, un cuoco buffo e colorato, porterà il bambino ad immedesimarsi. Le illustrazioni del volume sono graziose ed immediate, il linguaggio utilizzato è sicuramente adatto ai lettori che hanno l’età (dai sei anni) che l’editore ritiene ideale per i fruitori del libro. La frittata può essere considerato un compagno di giochi ideale e, con l’ausilio dei genitori (che potrebbero anche raccontare ai figli di quando loro stessi fantasticavano di essere famosi chef), può divertire anche bimbi più piccoli.In conclusione, l’opera si rivela una divertente ed efficace “farsa culinaria” che farà incuriosire grandi e piccini. Un libro amabile da leggere insieme a mamma e papà.

Cosa fare dopo la lettura

È molto importante che negli asili e nelle case ci sia sempre un “angolo dei travestimenti o della casetta”, uno spazio ricco di materiali che permettano al bambino di giocare identificandosi con i personaggi più vari e di immaginare a suo piacere le storie più fantasiose. Ci vuole poco: stoffe, vecchi indumenti, mantelli, cappelli, borse, foulard, burattini, bambole, pupazzi, piatti, bicchieri, pentole, posate, pettini, barattoli. Non facciamo mancare ai nostri figli questa grande opportunità di crescita e cerchiamo di giocare con loro. Sarà bello per una volta tornare bambini pure noi!