Claudia va al Bologna Children’s Book Fair

1417

Lo ammetto, sono emozionata. Lo sono da tre mesi, da quando ho fatto il biglietto aereo per Bologna e regalarmi un’intera giornata al Bologna Children’s Book Fair che da 55 anni rappresenta l’evento mondiale di chi lavora nel campo dell’editoria per bambini e per ragazzi. La BCBF è chiaramente un punto di riferimento per tutte le figure che operano nel settore dell’infanzia, dagli editori agli autori e illustratori, ma anche traduttori, insegnanti e con mia fortuna anche per chi, come me, questi libri li legge tutti i giorni e ne parla sul web. Così sarò finalmente una degli oltre 26 mila visitatori che dal 26 al 29 marzo avrà la possibilità di perdersi tra mondi colorati, folli, sognanti ed educativi tutti in formato libro.

Mi sono avvicinata al mondo della letteratura per l’infanzia per caso, trasformando una passione prettamente estetica e più vicina al fumetto in qualcosa che mi ha assorbito totalmente (considerando che non ho neanche dei figli!) e facendomi scoprire che una breve frase e un’immagine possono trasportarti in un meraviglioso mondo lontano, o spiazzarti con la loro vividezza. E se una tale esperienza può essere così totalizzante per un adulto, figuriamoci per un bambino che viene catapultato in una dimensione sognante solo girando pagina… ed è proprio il “Sogno” ad essere il tema principale dell’evento che ospiterà la Cina e oltre 3 mila titoli tra libri di narrativa, illustratati e manuali dedicati ai genitori e insegnanti in un enorme stand dove troveranno spazio anche mostre e attività che faranno conoscere meglio la tradizione e le innovazioni cinesi nel campo dell’editoria per l’infanzia. Altri eventi collaterali in giro per la città sono stati realizzati per mostrare ad un pubblico più ampio la Cina con le sue contraddizioni, tra tradizioni millenarie e modernità.

Non solo tradizione però, perché le case editrici in questi ultimi anni hanno ampliato il loro raggio di azione comprendendo al loro interno anche il mondo del digital publishing, delle app, dell’animazione e del licensing perché il mondo dei ragazzi è in continua evoluzione. Se ne parlerà al Digital Café in un calendario fitto di incontri, che si svolgeranno in parallelo a quelli dedicati agli autori, ai traduttori e agli illustratori nei vari corner.

A me non resta che preparare uno zaino da riempire di pezzi e sorrisi di un piccolo paradiso colorato e conoscere i visi di tutti coloro che ogni giorno mi permettono con i loro libri di farvi conoscere mondi incantanti.

Claudia

Guarda l’evento sul sito ufficiale: www.bookfair.bolognafiere.it/home/878.html