Lorenza Cingoli (Lapis): L’isola che non c’era

148

Titolo: L’isola che non c’era

Autore: Lorenza Cingoli

Casa editrice: Lapis

Pagine: 144

Anno pubblicazione: 2021

Prezzo: 10,00

Età: 8 anni


Trama

Sciacca, 1831. Come ogni sera, Mimmo accompagna il padre pescatore a gettare le reti al largo, quando d’un tratto davanti ai suoi occhi, accade qualcosa di straordinario: il mare si infuoca, i pesci piovono dal cielo, lapilli incandescenti illuminano il buio. È il prodigio di un’isola che nasce dalla profondità degli abissi. Da quel momento, nessuno ha più il coraggio d’avventurarsi nel mare avvelenato dall’odore di zolfo. Il cuore di Mimmo, invece, si accende di un desiderio d’avventura: sbarcare per primo sull’isola, piantare la sua bandiera e darle il nome, battendo sul tempo i re delle grandi potenze. Quell’isola, nei sogni di Mimmo, doveva essere una terra libera, senza distinzione tra ricchi e poveri, dove i bambini avrebbero solo giocato e ci sarebbero stati pane e dolcetti per tutti. Riparata la barca del nonno, il ragazzo salpa di nascosto. Ma, a volte, è difficile mantenere un segreto… Alfonso, un coetaneo di Mimmo arrivato in Sicilia al seguito del padre geologo, si accoda all’impresa a sua insaputa, rivelandosi però un prezioso aiuto per la conquista dell’isola, grazie alle sue conoscenze scientifiche. Inizia così un’appassionante avventura, che sarà anche l’inizio di un’amicizia indissolubile tra i due ragazzi. Così come era sorta d’improvviso dal mare, l’isola dopo pochi mesi si inabisserà, ma nel futuro di Mimmo e di Alfonso è già scritta una nuova avventura. 30 anni dopo, partiranno insieme a mille altri giovani uomini, con addosso una camicia rossa, al seguito di un giovane condottiero dallo sguardo intrepido e carismatico, per un’impresa che scriverà la storia del nostro Paese.

Analisi

Un romanzo per ragazzi dai 9 agli 11 anni liberamente ispirato a una storia vera: l’emersione dell’isola Ferdinandea nel Canale di Sicilia avvenuta nel 1831. L’isola Ferdinandea si trova nel Canale di Sicilia e attualmente è una vasta piattaforma rocciosa sommersa, a circa 6 metri dalla superficie del mare, fra Sciacca e l’isola di Pantelleria. Costituisce la bocca di un vulcano sommerso che eruttando, nel 1831, si innalzò dall’acqua formando l’isola, raggiungendo un’altezza di circa 65 m.
Partendo da questo evento storico l’autrice, Lorenza Cingoli, ci racconta un’avventura appassionante fatta di amicizia, rivalità e amore che ruota intorno a questa misteriosa isola, ambientata a Sciacca nell’estate del 1831. Una storia estiva di mare, sale, lava, fuoco e fumo che farà innamorare i lettori fino a scoprire il fantastico epilogo della storia.

sul sito: www.edizionilapis.it/libro/9788878748033-lisola-che-non-cera