Braff Brodzinsky (Erickson): Mi chiamo Sonia e sono stata adottata

34

Titolo: Mi chiamo Sonia e sono stata adottata

Autore: Braff Brodzinsky

Casa editrice: Erickson

Collana: Capire con il cuore

Pagine: 64 (storia) + 40 (guida per i genitori)

Anno pubblicazione: 2016

Prezzo: 12,50

Età: 6 anni 

Trama / Argomento

La protagonista di questo libro illustrato è una bambina, si chiama Sonia, è stata adottata e racconta la sua storia. Vuole raccontarla, soprattutto agli altri bambini — ma non solo — per far capire che cosa significa essere figli adottivi, quali difficoltà e quali soddisfazioni ci si trova a vivere. Con parole semplici e dirette, Sonia invita i piccoli lettori a osservare l’adozione dal punto di vista dei bambini. Sonia dà voce ai dubbi, alle preoccupazioni e ad alcuni pensieri che possono accompagnare l’esperienza adottiva. Il libro diventa così un’occasione preziosa e un utile strumento per aprire riflessioni e ulteriori domande non solo per chi vive in prima persona l’adozione, ma anche per chi — bambino o adulto — incontra le storie di adozione degli altri.
La Guida per genitori, insegnanti e operatori psicosociali contenuta nel volume, scritta appositamente da Anne Braff Brodzinsky per l’edizione italiana, è ricca di spunti di riflessione e suggerimenti operativi e rappresenta una risorsa di facile consultazione per avvicinare e trattare le domande e le questioni complesse che ogni esperienza adottiva porta con sé. Si rivolge a tutti coloro che, a diverso titolo, incontrano, seguono e aiutano bambini e ragazzi adottati.

Analisi

Sensibilizzare i bambini al tema dell’adozione è qualcosa di molto importante. Sempre più di frequente i bambini si imbattono nella loro vita in famiglie diverse tra loro. Questo libro avendo una storia e una guida per i genitori si propone come un ottimo manuale per affrontare l’argomento. Le altre persone che ne possono fare un ottimo uso sono i genitori adottivi, quelli forse sempre in maggiore difficoltà. Molto spesso i genitori adottivi si chiedono come raccontare dell’adozione al proprio figlio, come spiegargli tutto ciò che è avvenuto nella sua vita, quando farlo e che parole utilizzare.La conoscenza della realtà adottiva, infatti, deve diventare parte delle normali relazioni che si svolgono all’interno della famiglia. Se ne deve poter parlare liberamente e con serenità durante la vita quotidiana, nei momenti opportuni, senza che essa debba diventare un segreto, o al contrario riproposta continuamente e insistentemente.

 

Sul sito ufficiale: https://www.erickson.it/Libri/Pagine/Scheda-Libro.aspx?ItemId=41500